RICARICA AUTO ELETTRICHE

Scambio di info ed idee su come si ricaricano la macchine elettriche con il 4048
Rispondi
Luciano
Messaggi: 2

RICARICA AUTO ELETTRICHE

Messaggio da Luciano »

Ho istallato due inveter 4048 Trio con l’obiettivo di ricaricare la mia auto elettrica oltre che gestire i carichi di casa. La potenza prodotta dai pannelli è di circa 11 Kw.
Il primo problema che ho incontrato è relativo al malfunzionamento della colonnetta di EnelX (in omaggio con l’auto) della potenza di 7 Kw con sensore di auto apprendimento del carico di casa.
Il sensore non riesce a gestire il processore della colonnetta in quanto non ha una potenza stabile in ingresso. Il costruttore dice che solo con l’uso diretto del contatore ENEL può funzionare correttamente.
Attualmente non avendo riferimenti stabili forza l’autovettura alla max potenza di ricarica.
Con questo tipo di colonnetta anche la regolazione della potenza di carica gestita tramite il cruscotto dell’auto non funziona correttamente causando forti assorbimenti anche alla minima impostazione.
Il secondo problema che ho incontrato è relativo al funzionamento degli inverter in quanto i loro processori nel momento che la batteria ha raggiunto il bulk, i carichi di casa sono limitati, forzano la produzione dei regolatori in uno stato di riposo “spenti” causando un forte assorbimento dalla batteria per un tempo abbastanza lungo. Non solo, spesso da questo stato di riposo richiedendo una potenza immediata per esempio di 3 Kw i regolatori spengono completamente anche la produzione che era attiva al momento richiedendo una maggiore potenza dalla batteria e aumentando il tempo di “ risveglio “ della produzione pannelli.
Da questa situazione si innesca il conteggio della soglia “C” ed anche i 60 secondi di delay non sono sufficenti ad evitare il passaggio a ENEL e così succederà di nuovo al ritorno impianto…
Al momento sono tre giorni che sto ricaricando regolarmente ma con l’attuale colonnetta devo prima selezionare la minima potenza di ricarica tramite il cruscotto auto, intorno ai 2,5 Kw, poi una volta che i regolatori si sono “svegliati“ spingo la potenza di carica fino a quella che mi da la colonnetta, di solito 6 Kw.
La risoluzione di tutto questo trambusto è la sostituzione dell’attuale colonnetta con una completamente remotabile tramite WiFi con cui si può variare in tempo reale la potenza di carica e/o verificare quanto è stato caricato ecc. (quelle di EnelX sono dei cessi) ce ne sono di meglio tipo e-station, SCAME ecc.
Il terzo problema, e spero che Peppe stia risolvendo, è dato da una lettura inesatta della potenza prodotta in quanto l’attuale programma non fa le chiamate a due regolatori del secondo Trio parallelo.
Sarebbe interessante sapere se alcuni di voi hanno fatto esperienza su questa tipologia di utilizzo.
18 Pannelli, 4048MST, 420A acido libero

Avatar utente
Fotosettore
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 170
Regione dell'impianto: LAZIO

Re: RICARICA AUTO ELETTRICHE

Messaggio da Fotosettore »

Luciano ha scritto:
giovedì 28 maggio 2020 - 19:22
Il sensore non riesce a gestire il processore della colonnetta in quanto non ha una potenza stabile in ingresso. Il costruttore dice che solo con l’uso diretto del contatore ENEL può funzionare correttamente.
credo che magnetepazzo abbia una auto elettrica anche lui ... vediamo che ti dice
Il terzo problema, e spero che Peppe stia risolvendo, è dato da una lettura inesatta della potenza prodotta in quanto l’attuale programma non fa le chiamate a due regolatori del secondo Trio parallelo.
Sarebbe interessante sapere se alcuni di voi hanno fatto esperienza su questa tipologia di utilizzo.
momento difficile questo per me, appena potrò mi ci impegnerò ... spero per fine estate.
la tua è una situazione unica mai accaduta e debbo lavorarci molto su.
12 pannelli 250W
2 x Steca Solarix PLI 5000 (parallelo) e AGM 300A
--------------------------------
18 pannelli 300W
4048MST e AGM 780A

Magnetepazzo
Messaggi: 2

Re: RICARICA AUTO ELETTRICHE

Messaggio da Magnetepazzo »

Ciao Luciano , io ho una macchina elettrica e un impianto in parallelo con due inverter 4048 a 4 regolatori con 15 kW p di fotovoltaico. Non ho mai avuto problemi come i tuo ed onestamente penso che il problema possa esistere solo se.hai un pacco batterie piccolo . Puoi gentilmente esplicitare meglio come hai configurato il tuo impianto e che tipo di batterie hai oltre ovviamente alla quantità di batterie ? Scrivi anche il modello in modo da poter poi verificare da scheda tecnica i valori di ricarica.

Avatar utente
Salentino
Messaggi: 72
Regione dell'impianto: puglia

Re: RICARICA AUTO ELETTRICHE

Messaggio da Salentino »

Ciao magnetepazzo sono in compagnia di Andrea mio nioote, lui sostiene che il problema di Luciano è dovuto alla Wall box difettosa. Forse verificandone il funzionamento del sensore potrebbe risolvere il problema. Ciao Franco
1 PIP 5048MSD,18 pannelli amorfi da 75Wp, 15 pannelli Tianwei, 230Wp,  e 3 pannelli Jinkosolar da 255Wp 5600 celle litio in 56 pacchi da 100 celle  in  2 banchi da 28 pacchi da 300 Ah
1 minieolico da 1000W 1 boiler ariston 150l

Luciano
Messaggi: 2

Re: RICARICA AUTO ELETTRICHE

Messaggio da Luciano »

Ciao vi ringrazio della vostra immediata risposta.
Che i regolatori sono lenti a "risvegliare" la produzione dei pannelli è oramai cosa conosciuta. Io ho i 4048MS, 4048MSD, 4048MST e tutti si comportano allo stesso modo nonostante i firmware aggiornati. Il problema dei i regolatori che ad una richiesta immediata di potenza addirittura si spengono per poi lentamente ripartire è anche questo conosciuto e in questo caso, che la mia colonnetta parte subito da 4/5 Kw, sono 80/100A cosa di non poco conto.
Pensa che se nel momento dello Start Charge ho la batteria in ricarica a 50A io non incontro nessun problema poichè quella energia viene immediatamente trasferita alla colonnetta con i regolatori che sono super reattivi.
Attualmente ho 8 batterie da 426A e il mio limite "C" l'ho impostato 45A.
Poi ci metti che attualmente Lucibus non sa di avere 2 regolatori su 6 tira te le somme. E' evidente che avere 870A di batteria potrebbe essere la risoluzione o un miglioramento a garantire la risoluzione.
Sto raccontando questa mia nuova esperienza che a mio avviso al momento ha degli ostacoli in primis la colonnetta di EnelX che ritengo difettosa o non perfettamente gestibile con il fotovoltaico. Il costruttore, SCAME, mi fa sapere parlando con i suoi ingegneri che la colonnetta per autoregolarsi ha bisogno di una potenza al suo ingresso stabile e pari alla potenza max a cui è stata programmata.(nel mio caso 7 Kw). Infatti vedo che allo Start Charge la sua richiesta è subito alta circa 6 Kw 6.5 Kw; potenza che durante i miei test avevo tranquillamente come produzione se le pannellature non fossero in quell'istante "addormentate" su richiesta dei loro regolatori.
Sono in attesa che il tecnico venga a fare dei test su questa colonnetta e poi faccio comunque fare una programmazione che prevede il funzionamento senza il sensore di autoregolazione così che posso intervenire dal software dell'auto partendo dal minimo per poi aumentare se ho produzione.
L'altro successivo passo, visto che ho acquistato una seconda auto per la ditta, è di spostare questa colonnetta in laboratorio e per casa acquistare un modello che sia totalmente regolabile da remoto tramite WiFi.
Ne approfitto per chiedere se ci sono utenti che usano come me due regolatori TRIO. Ho istallato da un mese un'altro impianto con un parallelo di un DUO e un TRIO. Funziona perfettamente, in questo caso la lettura di Lucibus è migliore in quanto non vede solo 1 regolatore. (Trio master, Duo slave).
18 Pannelli, 4048MST, 420A acido libero

Avatar utente
Accuman
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 54

Re: RICARICA AUTO ELETTRICHE

Messaggio da Accuman »

Il problema è sempre il solito, se i regolatori sono nella fase di Float per poter ripartire si resettano e poi ripartono nella fase di Bulk, l'unica è connettere l'auto quando sono ancora in fase di Bulk.
Si può provare, prima di collegare l'auto alzare la tensione di Float, i regolatori si resettano entrando in Bulk e poi colleghi l'auto.

Magnetepazzo
Messaggi: 2

Re: RICARICA AUTO ELETTRICHE

Messaggio da Magnetepazzo »

Ciao salentino salutami Andrea , 😉. Luciano potresti usare un sonoff per attivare la colonnina di ricarica solo quando determinati requisiti sono soddisfatti se non vuoi che commuti in Enel per errore , comunque la soluzione è dimensionare nel modo giusto il pacco batterie in funzione del carico così qualsiasi cosa accada sei a posto .

Rispondi