float troppo "precoce" ...

soluzioni a guasti o a problemi che nascono dopo l'installazione di un impianto fotovoltaico
Rispondi
Avatar utente
Salentino
Messaggi: 66
Regione dell'impianto: puglia

float troppo "precoce" ...

Messaggio da Salentino »

Avendo qualche momento di pausa volevo chiedere un consiglio agli esperti del Forum considerando la situazione che si sta prospettando sul mio impianto con tutti i pannelli collegati correttamente sull'ìinverter a 3 regolatori. Nelle giornate di sole, come si può notare dalle foto che allego, il mio impianto già alle 10 del mattino va in float sebbene ho 600 Ah di accumulo a 48 V. Stavo pensando di staccare 6 pannelli dall'inverter a 3 regolatori e colegare i 12 pannelli in 2 stringhe da 6 pannelli ed avendo altre 12 batterie 4V 200 Ah ferme in carica le collegherei all'inverter 5048MSD che ho come muletto e lo collegherei alla linea dell'impianto di sollevamento dell'acqua. Credo che così facendo potrei sfruttare al meglio la produzione dei pannelli e stresserei meno le batterie riducendo i cicli vista la situazione attuale del mio impianto che le celle litio al mattino sono ancora a 52,5V. Voi cosa ne pensate? Si accettano suggerimenti. Grazie
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
1 PIP 5048MSD,18 pannelli amorfi da 75Wp, 15 pannelli Tianwei, 230Wp,  e 3 pannelli Jinkosolar da 255Wp 5600 celle litio in 56 pacchi da 100 celle  in  2 banchi da 28 pacchi da 300 Ah
1 minieolico da 1000W 1 boiler ariston 150l

Avatar utente
Alain
Utente PRO
Utente PRO
Messaggi: 52
Regione dell'impianto: LOMBARDIA

Re: float troppo "precoce" ...

Messaggio da Alain »

Se ho ben capito, anche in base a quanto riporti nella tua firma, ora hai 36 pannelli tutti collegati all'inverter a triplo regolatore, presumibilmente 4 stringhe per ogni ingresso.
E stai pensando di spostare 3 stringhe su un altro inverter per "alleggerire" il carico su questo e sul relativo banco litio.
Mi sembra che il dubbio ti si sia insinuato quando hai notato che il banco raggiunge presto il fine carica dopodichè la produzione viene parzializzata.

Secondo me, l'operazione che dici ha un senso solo se il sollevamento acqua è attualmente demandato alla rete enel, altrimenti lascia stare che il tuo banco, finchè hai abbastanza energia solare per caricarlo completamente, funziona bene.
Diverso sarebbe se avessi problemi a restare in isola per tutta la notte.
Da questo periodo in avanti e fino all'autunno avrai ogni giorno un discreto surplus e uno dei modi più virtuosi per utilizzarlo sarebbe fare in modo di diminuire il consumo di altre fonti come ad esempio il gas; quindi boiler e piani cottura elettrici, sempre che tu non ne stia già facendo uso.

PS: L'avatar che avevi prima era mooolto più simpatico di Cristopher Lambert ;D

Avatar utente
Salentino
Messaggi: 66
Regione dell'impianto: puglia

Re: float troppo "precoce" ...

Messaggio da Salentino »

Alain i pannelli si sono 36, ma 18 sono amorfi. Quelli del 3 regolatore e sono tutti collegati insieme che hanno una potenza di 80 WP 1,5 ah e stanno tutti sul 3 regolatore. Gli altri 18 sono poli e sono raggruppati in serie di 3 a circa 90v e costituiscono 6 serie di 3 pannelli che formano 2 stringhe che sono collegate ai regolatori 1 e 2. Tutto quello che consumo è prelevato dall'impianto ad isola anche il boiler viene riscaldata l'acqua alle 6 del mattino per 1 ora con la corrente dell'impianto. Spesso uso il microonde ed il fornetto elettrico per cucinare quando deve cucinare per noi 2 e raramente uso il forno a gas per cucinare. In passato utilizzavo un serbatoio di accumulo per l'acqua che riempivo nelle ore più calde e risparmiavo utilizzando l'auticlave da 500 e. Ora utilizzo, da quando ho il float già alle 9.30, direttamente la pompa tanto resto sempre ad isola con i 600 Ah di litio.
1 PIP 5048MSD,18 pannelli amorfi da 75Wp, 15 pannelli Tianwei, 230Wp,  e 3 pannelli Jinkosolar da 255Wp 5600 celle litio in 56 pacchi da 100 celle  in  2 banchi da 28 pacchi da 300 Ah
1 minieolico da 1000W 1 boiler ariston 150l

Avatar utente
Salentino
Messaggi: 66
Regione dell'impianto: puglia

Re: float troppo "precoce" ...

Messaggio da Salentino »

Vorrei sfruttare al meglio la produzione che forse sono riuscito a raggiungere il completo distacco dalla rete ed avendo l'occorrente sfruttarlo al meglio. Farei sempre il collegamento in cascata, nel senso che l'inverter con meno pannelli e meno Ah di accumulo, come li avevo in passato, qualora dovesse commutare, commuterebbe sempre sull'impianto dell'inverter con 600 Ah di accumulo. Infatti la linea in ingresso all'inverter e sempre quella dell'impianto, non la rete.
Sto verificando che a causa del float alle 9.30 del mattino la produzione dell'impianto si riduce rispetto alle potenzialità e non vorrei che a causa di questo i consumi della mia abitazione superino i kw prodotti. dico questo perchè vedo che i kw prodotti in questo periodo non superano i 15-16 kw ed io abitualmente ho consumi per 13-15 kw.
Penso, non vorrei sbagliare, che utilizzando un ulteriore accumulo di 200 Ah potrei avere maggiore accumulo ed in caso di giornata piovosa potrei superare tranquillamente le 48 ore di autonomia. Se sbaglio correggetemi. Grazie
1 PIP 5048MSD,18 pannelli amorfi da 75Wp, 15 pannelli Tianwei, 230Wp,  e 3 pannelli Jinkosolar da 255Wp 5600 celle litio in 56 pacchi da 100 celle  in  2 banchi da 28 pacchi da 300 Ah
1 minieolico da 1000W 1 boiler ariston 150l

Avatar utente
Alain
Utente PRO
Utente PRO
Messaggi: 52
Regione dell'impianto: LOMBARDIA

Re: float troppo "precoce" ...

Messaggio da Alain »

Salentino ha scritto:
sabato 18 aprile 2020 - 12:57
Sto verificando che a causa del float alle 9.30 del mattino la produzione dell'impianto si riduce rispetto alle potenzialità e non vorrei che a causa di questo i consumi della mia abitazione superino i kw prodotti. dico questo perchè vedo che i kw prodotti in questo periodo non superano i 15-16 kw ed io abitualmente ho consumi per 13-15 kw.
Il tuo timore è infondato: dal momento che attualmente il tuo inverter, almeno nelle giornate soleggiate, sta parzializzando la potenza in ingresso perchè il banco è già pieno, qualora i consumi aumentassero, anche la produzione si incrementerebbe di conseguenza
Salentino ha scritto:
sabato 18 aprile 2020 - 12:57
Penso, non vorrei sbagliare, che utilizzando un ulteriore accumulo di 200 Ah potrei avere maggiore accumulo ed in caso di giornata piovosa potrei superare tranquillamente le 48 ore di autonomia
Sicuramente più incrementi l'accumulo e più si allunga l'autonomia, ma considera anche che il tuo vecchio banco è meno efficiente di quello attuale e ti restituirebbe al massimo il 70% dell'energia che gli andresti ad immagazzinare

Avatar utente
Salentino
Messaggi: 66
Regione dell'impianto: puglia

Re: float troppo "precoce" ...

Messaggio da Salentino »

Sono consapevole di utilizzarne il 70 %, ma sarebbe comunque un 70% in più dell'attuale e visto che sono ferme in carica per decidere cosa farne, tanto vale sfruttarle e risparmiare le litio che quasi la metà delle 5600 hanno 2 anni di utilizzo e sono celle recuperate e non presentano alcun problema per il momento, >:5 >:5 e penso che non utilizzando questa soluzione, parte della produzione, come succede ora, non verrebbe sfruttata.
Ultima modifica di Salentino il martedì 21 aprile 2020 - 13:53, modificato 1 volta in totale.
1 PIP 5048MSD,18 pannelli amorfi da 75Wp, 15 pannelli Tianwei, 230Wp,  e 3 pannelli Jinkosolar da 255Wp 5600 celle litio in 56 pacchi da 100 celle  in  2 banchi da 28 pacchi da 300 Ah
1 minieolico da 1000W 1 boiler ariston 150l

Avatar utente
Maurizio
Utente PRO
Utente PRO
Messaggi: 49
Regione dell'impianto: Toscana

Re: float troppo "precoce" ...

Messaggio da Maurizio »

Io ho fatto l'azzardo di mettere in parallelo le piombo-gel con le litio, devo dire che le gel sono da 950Ah mentre le litio da "solo" 300.
E' un pò macchinoso gestire la carica di entrambe, avendo tensioni di fine diverse, ma ora che le produzioni sono buone, lascio caricare bene le gel, poi metto in parallelo le litio abbassando la tensione di bulk e le lascio cosi per qualche giorno, di solito lavorano principalmente prima le litio e poi le piombo, se poi c'è una giornata di scarsa produzione e le litio si abbassano, lascio di nuovo solo le gel. questo perché il bilanciatore che ho non riesce a tenerle bene allineate. Poi quando il tempo ritorna bello, ricomincio il ciclo. Certo tu hai la situazione opposta, con più litio che piombo, e in parallelo le piombo non arriveranno mai ad una carica totale, ma basterebbe ogni tanto staccare le litio e fargli fare un bulk di bilanciamento. Cos' le usi insieme, sappi che all'incirca userai un 70/80% di corrente dalle litio e il resto dalle piombo. Almeno un po' le sfrutti :-)
18 pannelli 280w + 9 pannelli 325w
5048MK - batterie Hoopecke 800Ah (958Ah dichiarati) + litio 300Ah

Avatar utente
Salentino
Messaggi: 66
Regione dell'impianto: puglia

Re: float troppo "precoce" ...

Messaggio da Salentino »

Io Maurizio avendo la possibilità di utilizzare i 2 inverter evito di fare tutte quelle manovre per gestire le 2 tipologie di batterie. Lascio le litio sull'inverter a 3 regolatori, che forse avendo sostituito la scheda madre e diversi componenti il firmware è pure aggiornato al 76.30 non ho la temperatura che avevo prima; forse è ancora presto, ma non sta superando i 45° in questo periodo, ed utilizzo le AGM con il 5048MSD al quale collegherò soltanto la pompa di sollevamento dell'acqua distaccando soltanto 6 pannelli dei 18 e vedere se i 3 regolatori funzionano sempre. Ho iniziato a predisporre per l'utilizzo del 2^ inverter ma essendo una giornata non interamente soleggiata, oggi, mentre ieri è stata nuvolosa per tutta la giornata, ho iniziato a sistemare le batterie e se ho tempo oggi fisserò l'inverter nella lavanderia dove ho già spostato le 12 batterie. Sicuramente entro la fine della settimana completerò l'installazione del 2^ inverter
1 PIP 5048MSD,18 pannelli amorfi da 75Wp, 15 pannelli Tianwei, 230Wp,  e 3 pannelli Jinkosolar da 255Wp 5600 celle litio in 56 pacchi da 100 celle  in  2 banchi da 28 pacchi da 300 Ah
1 minieolico da 1000W 1 boiler ariston 150l

Rispondi